Categories: Alfaweb RentTags: 0 Comments279 words1.4 min read

 I flight case nell’ambiente del noleggio sono i migliori strumenti di protezione per il proprio materiale. Proiettori, computer, luci, mixer sono strumenti di lavoro fondamentali che vanno protetti il più possibile durante gli spostamenti sui mezzi aziendali.

Purtroppo, tali contenitori sono di difficile gestione soprattutto se il contenuto non è ben stabilito a priori. Un conto è la semplice gestione di, ad esempio, cinquanta flight case contenenti due spotlight ciascuno, un altro è quando nel baule dobbiamo inserire dei prodotti che sono conservati in scaffalature del magazzino usando il contenitore come una unità logica temporanea.

Quale è la differenza?

Mentre nel primo caso possiamo numerare univocamente il flight case e sapere in ogni momento cosa contiene perché le matricole dei prodotti contenuti sono ben stabilite, nel secondo caso dobbiamo permettere agli operatori di gestire un raggruppamento di oggetti durante il carico dei bauli stessi così potrà essere stampata un’etichetta che riepilogherà il contenuto.

Il prodotto gestionale dovrà perciò permettere di creare questi mini-magazzini temporanei che dovranno essere creati e distrutti all’occorrenza. Se poi avremo la possibilità di identificare univocamente il filght case attraverso un barcode ( o meglio ancora un tag RFID), la semplice lettura attraverso un terminale dedicato ci permetterà di visualizzare il contenuto senza dover aprire necessariamente il baule.

Queste unità temporanee potranno essere gestite a KIT o a magazzini logici temporanei, in base alla soluzione software da voi adottata. L’importante è che il prodotto che utilizzate possa gestire questa problematica spesso sottovalutata da chi purtroppo non ha mai svolto attività di noleggio.

Se voi altre informazioni non esitare a contattarci tramite mail o telefono oppure lasciaci un commento qui sotto. Saremo molto lieti da avere un tuo parere.

  • Continue reading
  • Continue reading
  • Continue reading
  • Continue reading
  • Continue reading

Leave A Comment